Notizie da TGNS

Avvicendamento alla presidenza

Dopo tre anni di (co-)presidenza, io, Stefanie Hetjens, ho deciso di ritirarmi dalla mia funzione a partire da oggi. Negli ultimi tre mesi abbiamo pianificato con cura questo passo che si inserisce in un progetto più ampio. Lea Berger e Benjamin Thormann assumeranno la copresidenza ad interim e si presenteranno per l’elezione ordinaria all’assemblea generale di marzo. Quanto a me, rimarrò attiva in vari settori di TGNS. 

Leggi tutto “Avvicendamento alla presidenza”

Come ogni anno ….

L’ufficio e il servizio di consulenza legale di TGNS si riposeranno dal 20 dicembre al 7 gennaio 2020.

Le consulenze ai centri sanitari Checkpoint Zurigo, Losanna e Berna sono chiusi dal 23 dicembre al 5 gennaio.

TGNS vi augura una serena e allegra festività come anche un felice anno nuovo!

Basilea Città protegge meglio le persone trans in detenzione

Il 13 novembre 2019 il Gran Consiglio di Basilea Città ha approvato una nuova legge sull’esecuzione delle pene (in tedesco). Non solo stabilisce che le donne e gli uomini devono essere alloggiati separatamente, ma anche esplicitamente che l’identità di genere della persona in questione deve essere rispettata per quanto possibile. Ciò significa che le persone trans che vengono incarcerate devono essere ascoltate e che non deve decidere qualcuno in loro vece dove saranno alloggiate. Basilea Città è quindi il primo cantone ad occuparsi della situazione particolarmente vulnerabile delle persone trans in detenzione.

Cambiamento di nome: adesso a Zurigo è autodeterminato

Le persone trans che vivono nel Cantone di Zurigo possono ora cambiare nome molto più facilmente – principalmente in modo autodeterminato – e a costi inferiori rispetto al passato. Non è richiesta più alcuna conferma medico/psicologica per la modifica! Il Cantone di Zurigo dimostra così che anche in Svizzera è possibile una procedura semplice, rapida e trasparente basata sull’autodeterminazione.

Leggi tutto “Cambiamento di nome: adesso a Zurigo è autodeterminato”

Depatologizzazione: ICD-11 finalmente approvata!

© Marco Verchromt / License

L’11esima revisione dell’ICD (Classificazione internazionale delle malattie) è stata approvata definitivamente il 25 maggio 2019 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Oltre a diverse altre modifiche, l’«incongruenza di genere», la diagnosi fatta alle persone trans, è stata ridefinita e rimossa dal capitolo relativo ai disturbi psichici e del comportamento per essere inserita in un nuovo capitolo concernente la salute sessuale («conditions related to sexual health»).

Leggi tutto “Depatologizzazione: ICD-11 finalmente approvata!”

Collaborazione tra lo «Swiss LGBTI Label» e il portale «trans welcome»

La comunità LGBTI, nonostante la crescente visibilità, deve fare continuamente fronte a discriminazioni e pregiudizi. A seconda dell’uso di una o di un’altra lettera dell’alfabeto, emergono problemi di varia natura in ambito lavorativo. Per svolgere attività di sensibilizzazione e per rafforzare i gruppi target interessati sono state lanciate due iniziative, ovvero lo Swiss LGBTI Label e il portale trans welcome. La prima concerne l’intera comunità LGBTI mentre la seconda si rivolge in modo più specifico alle persone trans e ai loro datori di lavoro.

Leggi tutto “Collaborazione tra lo «Swiss LGBTI Label» e il portale «trans welcome»”

tgns.ch – ora anche in italiano


Giusto in tempo per la Pride a Lugano, il nostro sito web è ora completamente disponibile anche in italiano. TGNS sostiene anche la comunità ticinese: durante il Pride Weekend (da venerdì a domenica) la metà delle donazioni tramite SMS va a GenderFreedom, il nuovo gruppo trans ticinese.

Tutte le informazioni per la parata e Villaggio del Pride si trovano qui.

Il Consiglio federale presenta una proposta legislativa per facilitare il cambiamento del sesso ufficiale

Il Consiglio federale presenta oggi un progetto preliminare per facilitare il cambiamento del sesso ufficiale (stato civile). Accogliamo con favore questa idea! Ma prima che questi cambiamenti diventino realtà, c’è un lungo processo parlamentare in cui dobbiamo fare molte attività disensibilizzazione. Prima analizzeremo in dettaglio il progetto preliminare e poi, ovviamente, lavoreremo davanti e dietro le quinte in modo che alla fine venga elaborato nel miglior modo possibile un regolamento per tutte le persone trans.

Nella prossima fase della procedura di consultazione potranno essere presentate proposte per migliorare il progetto e sarà sottolineata l’importanza della legge per le persone trans. Purtroppo, è chiaro che un miglioramento nella progettazione è necessario. Poiché la bozza preliminare esclude esplicitamente le persone non binarie e e per i minori regge addirittura peggioramenti rispetto ad oggi.

Anche nel processo politico, che durerà diversi anni, abbiamo bisogno di voi! Vogliamo coinvolgere l’intera comunità trans, perché senza l’impegno di molti_e sostenitori_trice non possiamo conquistare il cuore dei politici. Per questo motivo a breve invitiamo ad aiutarci.

Il nostro comunicato stampa (solo in tedesco).

Il progetto preliminare del Consiglio federale.

Crimini d’odio («hate crimes») e discriminazioni di persone LGBT in Svizzera

La portata e le circostanze dettagliate dei crimini d’odio a sfondo omo-, bi- o transfobico in Svizzera sono tuttora sconosciute. Una rilevazione sistematica consentirebbe di trasformare un’entità nebulosa in dati di fatto. Questo è il motivo per cui la LGBT+ Helpline registra online, per e-mail o telefonicamente le notifiche di discriminazioni, discorsi e crimini d’odio subiti da persone trans-, bisessuali, lesbiche e omosessuali. È ora stato presentato il primo rapporto di tale attività.

Leggi tutto “Crimini d’odio («hate crimes») e discriminazioni di persone LGBT in Svizzera”

Direttive trans* alle Università di Basilea e Berna

Finalmente anche le Università di Basilea e Berna hanno reagito alle richieste degli studenti e delle studentesse trans*: entrambi gli istituti hanno adottato direttive concernenti l’utilizzo del nome e l’indicazione del sesso. Per principio i due atenei consentono ora di modificare il nome e l’indicazione del sesso a prescindere da una rettifica ufficiale – tuttavia, contrariamente alla richiesta di TGNS, la regola prevede soltanto l’indicazione F e M. Gli studenti di genere non binario che desiderano un riconoscimento della loro identità specifica, sono tuttora in attesa di una normativa pertinente.

Leggi tutto “Direttive trans* alle Università di Basilea e Berna”